Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60147  Discussioni create: 39757  Messaggi inviati: 258962
Iniziata: oltre un anno fa   Ultimo aggiornamento: oltre un anno fa   Visite: 1772

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Ciao a tutti,
abito in un condominio e sul soffitto del mio appartamento, sottostante la terrazza di quello sopra il mio, ci sono delle notevoli macchie di muffa e gocciolamenti copiosi, quando piove forte, causate dalle infiltrazioni di acqua.
Finalmente, dopo oltre tre anni di mie lamentele, si è svolta un'assemblea condominiale in cui si è deciso di affidare ad una ditta i lavori per risolvere il mio problema.
L'amministratrice ha fatto la ripartizione delle spese necessarie (oltre 13000 euro) ed ha inviato a tutti la richiesta dei pagamenti rateali dovuti, me compreso.
Vi chiedo: anch'io sono tenuto al pagamento di queste spese, nonostante sia il danneggiato?

Grazie. Massimo


Saluti. Massimo Peca

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 1 di 2
Vai alla pagina [1 2]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

ciao, ho lo stesso problema anche io, ed essendo un lastrico solare(perchè di fatto è i tuo tetto) l'amministratore deve ripartire le spese del rifacimento in base ai millesimi dei condomini. nessuno escluso. per gli eventuali danni potrei chiederli all'assicurazione del condominio.

ciao

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

eva, dovrebbe cercare sul codice civile alla voce lastrico solare. la ripartizione e' ben descritta e non e' quella che lei dice. il lastrico solare non e' il tetto e l'unica differenza sulla ripartizione con gli altri condomini e': se di porprietà privata oppure con accesso libero. saluti



Zorro

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Si zorro ha colpito ancora se il lastrico è privato è un conto se fa da tetto un altro.

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

buonasera Pollice, si Hannibal mi ha spiegato abbondantemente che spaccate il capello in 4 - non voglio farmi venire il mal di testa. se il lastrico solare e' privato ha un trattamento, se lo considerate tetto o accesso libero a tutti i condomini ha un'altro trattamento, va per i millesimi. se e' privato una sentenza di cassazione dice che va ripartito per un terzo al proprietario e la rimanenza ai condomini sottostanti coperti in verticale. Cassazione del 23.01.2014 n. 1451. tuttavia rileggendomi il codice e rileggendo il post iniziale abbiamo commesso tutti un errore. non si tratta di lastrico solare ma come enuncia Mpeca si tratta di terrazzo.

"mentre il lastrico solare, al pari del tetto, assolve essenzialmente la funzione di copertura dell'edificio, di cui forma parte integrante sia sotto il profilo meramente materiale, sia sotto il profilo giuridico, la terrazza a livello è invece costituita da una superficie scoperta posta al sommo di alcuni vani e nel contempo sullo stesso piano di altri, dei quali forma parte integrante strutturalmente e funzionalmente, nel senso che per il modo in cui è realizzata, risulta destinata non tanto a coprire le verticali di edifici sottostanti, quanto e soprattutto a dare un affaccio e ulteriori comodità all'appartamento cui è collegata e del quale costituisce una proiezione verso l'esterno" (Cass. civ., sez. II, 28 aprile 1986, n. 2924).

Pertanto, dei danni cagionati all'appartamento sottostante per le infiltrazioni d'acqua provenienti dal lastrico, deteriorato per difetto di manutenzione, rispondono tutti gli obbligati inadempienti alla funzione di conservazione, secondo le proporzioni stabilite dall'art. 1126 c.c., vale a dire i condomini ai quali il lastrico serve da copertura, in proporzione ai due terzi, ed il titolare della proprietà o dell'uso esclusivo, in ragione della altre utilità, nella misura del terzo residuo (Cass. civ., Sez. III, 13/12/2007, n.26239; Corte App. Roma, Sez. III, 24/07/2007)



Zorro

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 1 di 2
Vai alla pagina [1 2]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK