Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60063  Discussioni create: 39750  Messaggi inviati: 258948
Iniziata: oltre 3 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 3 anni fa   Visite: 1531

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Premesso che l'Irlanda oggi e' il Paese europeo con il maggior tasso di crescita (seguito a ruota dalla Polonia) mentre era uno dei primi candidati al fallimento mentre Italia, Spagna e Grecia stentiamo terribilmente, che riforme hanno fatto costoro?

Ora, mentre per la Polonia la risposta e' semplice (non ha conosciuto la “Bolla finanziaria ed immobiliare” perche' non avendo l’euro, ha svalutato dopo il 2008) cosa si puo' dire di Irlanda?

Beh...tutti noi viaggiamo su macchine prodotte in Irlanda, portiamo scarpe Irlandesi, vestiamo irlandese, in casa abbiamo lavastoviglie Irlandesi...forse no....Cosa c'e' in Irlanda? Ci sono le sedi Europee delle multinazionali globali...da Apple, ad Amazon, a IBM a Twitter, la Ryan Air, finanche il piu grosso produttore mondiale di cemento, la CRH. Tutte societa' che dovrebbero pagare tasse nei paesi dove vendono e che invece, avendo sede a Dublino e Cork, pagano un piccolo pizzo al governo Irlandese che in cambio le protegge dalle agenzie delle entrate di Italia, Grecia, Spagna, ecc..

Il risultato? La svalutazione interna intimata a Spagna e Grecia ha portato riforme del mercato del lavoro tali che la paga oraria e' a livelli cinesi, le prestazioni sanitarie sono praticamente azzerate, gli ammortizzatori sociali cancellati, la disoccupazione e' galoppante, la tassazione a livello di esproprio...e ancora l'economia non va.

Un privilegio consentito dalla Troika che sa di porcata.

-------------------------------------------------------Olim, Hortacius, dedisti filii nam ignotam.

Per quanto riguarda me: So cosi de legno che si me rifa' Geppetto, ce tira fora Pinocchio.

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 1 di 9
Vai alla pagina [1 2 3 4 5 6 7 8 9]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Senzazionale + 7.7 di crescita,ma la disoccupazione resta al 12,il debito al 120,ed il 70% di capitali e interessi girati alla banca centrale in sofferenza,e come ultima annotazione non è detto che il gettito fiscale cresca.

Secondo autorevoli fonti un altro anno cosi e l'irlanda è punto e d'accapo..i motivi,te li spiego nelle seconda puntata se accetti queste note,situazione simile per la polonia,ma aspettiamo che polonio dia la poppata a francesca.e risponda in merito.

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

aspettiamo che polonio dia la poppata a francesca.e risponda in merito.

No ragazzi, non predetevela ma io al momento ho tutt'altre cose per la capa. Peraltro questo è un discorso che abbiamo affrontato già centinaia di volte e non vedo cosa, d'interessante, si potrebbe aggiungere. Si andrebbe come al solito a finire al confronto di tabell(in)e, dove ognuno porta le sue e dice che sono quelle buone.

Semmai, tra un po' riprendo il discorso sulla criminalità organizzata: quello sì che è interessante (e ti spieghero' perchè non è come dici tu).

Comunque, giusto per dare un contributo minimo, solo sulla Polonia specifico quanto segue.

Non è esatto dire che non ha conosciuto bolle e che abbia svalutato, in quanto prima d'investire i Paesi euro la crisi aveva colpito i suoi satelliti; e, essendo la Polonia appunto un satellite in predicato di entrare nell'euro, ha un range di oscillazione fisso da cui non può discostarsi. Quindi non ha affatto svaluatato, anzi ultimamente sta testando il limite opposto in sopravvalutazione rispetto all'euro. Le riforme le ha fatte eccome: quelle prescritte dalla troika moltiplicato 3! Per esempio, nella Costituzione polacca c'è scritto che il debito pubblico non può superare il 60%, altro che il misero vincolo di bilancio fatto inserire da Monti, da tutti votato e poi da tutti per questo criticato: è acqua di rose, al confronto. Oppure l'art. 18, che i polacchi non sanno neppre cosa sia: altro che il jobs act di Renzi, anche questo da tutti criticato perché troppo liberista. Oppure la totale liberalizzazione: se in Polonia vuoi fare il taxista, ti compri l'auto, fai la dichirazione in Comune e il giorno dopo inizi; e nelle grandi città polacche ci sono attività aperte 24 ore su 24: altro che le lenzuolate di Bersani o le liberlizzazioni di Monti, anche queste criticate per il troppo liberismo ma in realtà all'acqua di rose. Insomma, i polacchi le riforme le hanno fatte senza che nessuno gliele chiedesse e ne hanno fatte ben di più di quanto la troika abbia prescritto ai Piigs.

...poi, ognuno la pensi come vuole. Io il cambio (di sistema) lo farei subito; anche domani; e senno' ho comunque la fortuna di poter cambiare io un dopo-domani

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

anche domani; e senno' ho comunque la fortuna di poter cambiare io un dopo-domani

Francesca non te lo permetterà quella appena in grado di apprezzare le tagliatelle al ragu, i passatelli,intonerà romagna mia e te saluto,la francesca in polonia mandera tè perchè anche la sig.ra gios vorrà cantare romagna mia romagna in fiore tu sei la stella tu sei l'amore quando ci penso non vorrei tornare al mio antico casolare.

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Continui a inquadrare la contesa - se così si può definire - come se tutti i pro fossero da una parte e i contro dall'altra. Non è così: ci sono pro e contro da entrambi i lati.

...bisognerà proprio che ti decidi a visitarla, la Polonia. Te lo hanno suggerito anche sull'altro forum. Se il battesimo lo facciamo in PL t'invito, così avrai occasione...

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 1 di 9
Vai alla pagina [1 2 3 4 5 6 7 8 9]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK