Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60151  Discussioni create: 39758  Messaggi inviati: 258963
Iniziata: oltre 3 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 3 anni fa   Visite: 1731

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

MILANO - Diana Bracco, presidente di Expo 2015 e numero uno del Padiglione Italia dell'Esposizione universale, è indagata dalla Procura di Milano. L'accusa: emissione di fatture false per operazioni inesistenti e appropriazione indebita.

«Nel corso delle attività investigative - spiega il procuratore capo Edmondo Bruti Liberati - è emerso che fatture per complessivi 3.064.435 euro, confluite nella contabilità e nelle dichiarazioni fiscali presentate dalle società del gruppo Bracco per i periodi di imposta dal 2008 al 2013, erano riferite all'esecuzione di forniture o di prestazioni rese presso locali in uso alle medesime società, ma effettivamente realizzate presso immobili e natanti di proprietà, ovvero nella disponibilità della signora Diana Giovanna Maria Bracco e del defunto marito Roberto De Silva».

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 1 di 13
Vai alla pagina [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10Successive : Ultima

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Ohi, pollice non lo far sapere a renzie che senno' la mette a capo del Ministero della Sanita' al posto della Lorenzin avendo dimostrato capacita' prenditoriali non comuni. Tanto, finche' non e' condannata al terzo grado di giudizio (cioe' tra trent'anni), e' PRESENTABILE.

Dopo aver regalato a FILANTROPICI INVESTITORI esteri ESAOTE - l'azienda genovese di diagnostica per immagini che faceva paura ai prodotti giapponesi, tedeschi e statunitensi e che un paio d'anni dopo la vendita:http://genova.repubblica.it/cronaca/2014/05/28/news/esaote_la_crisi_pesante_120_in_cassa_76_esuberi-87509542/ chi meglio di lei a capo dell'EXPO?

No, caro pollice, questo non e' un segno di risveglio. Il buongoverno non deve essere affidato alle inchieste della magistratura altrimenti facciamo lo stato di polizia.

Doveva ben essere il primo ministro a fare una bella operazione di trasparenza....ma si sa con la posizione che ha preso su De Luca...che ci si poteva aspettare???-------------------------------------------------------Olim, Hortacius, dedisti filii nam ignotam.

Per quanto riguarda me: So cosi de legno che si me rifa' Geppetto, ce tira fora Pinocchio.

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

numero uno del Padiglione Italia dell’Esposizione universale, è indagata dalla Procura di Milano.

Domanda semplice semplice: e se poi, alla fine delle indagini o del processo, risulta innocente? Quand'è che impariamo a considerare l'avviso di garanzia per quello che è, ossia una garanzia a favore dell'indagato?

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Litalia che non và non è figlia di Renzi,è renzi che figlio di questa italia.Ho detto piiù di una volta che a sud del Garigliano le truppe di renzi sono meno che un presidio contro potentati che resistono ad oltranza e fanno di tutto per mostrare di esserlo,

Rovesciamo il discorso per capirlo meglio,partiamo da de luca e dalle primarie,de luca si mette li e vince le primarie perchè il vecchio potentato fa una prova di forza è la vince agevolmente,cosi come vincerà probabilmente le elezioni,.

Tutto il sud è messo cosi De luca fa testo, ma potrei raccontarti decine di episodi dello stesso genere.Ora io non credo - almeno finora - che renzi non sia disposto a fare piazza pulita,reputa e reputo che stia rinviando il momento del regolamento dei conti,con questi potentati,che tali sono e tali resteranno,attaccarli frontalmente non serve,li puoi frantumare,ma non metabolizzare,e spesso quando li frantumi creano composti amorfi,che di politica hanno solo il lezzo che senti già a distanza.

Ieri in sicilia hanno arrestato e denunciato diversi consiglieri comunali e regionali per voti comprati non direttamente dalla mafia ma intermediati da grandi elettori che conoscono i capibastone.Questi grandi elettori spesso sono omuncoli che dirigono,patronati,caf,consigl di quartieri,cI sono grandi elettori da 200 da 400 da 1000 voti ed oltre,e spesso non lavorano in esclusiva per un candidato o per un partito,fanno come possono.

Una cosa è sicura sono i candidati che cercano loro,tramite loro vinci o perdi,se sei all'inizio della carriera politica,i big hanno già la struttura ramificata,la loro catena di sant'anantonio.

Non basta anche esponenti della nuova confindustria e membri dell'antimafia hanno ricevuto avvisi di garanzia,caro buttafuoco seccano le palle solo ad immaginarle certe schifezze.

Questa è l'italia che non và,il sud. che non va,l'italia va redenta da renzi mi aspetto questo,dagli italiani,mi aspetto questo,dai grillini mi aspetto questo,dai giovani mi aspetto questo,

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Domanda semplice semplice: e se poi, alla fine delle indagini o del processo, risulta innocente? Quand'è che impariamo

Ci sono anche degli altri all'interno di expo che non ho evidenziato,quand'è che la finiamo ....volevi dire e.... paghiamo le tasse,perchè per un dolce e gabbato,ce ne sono 100 che gabbano.

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 1 di 13
Vai alla pagina [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10Successive : Ultima


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK