Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60087  Discussioni create: 39752  Messaggi inviati: 258952
Iniziata: oltre 2 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 2 anni fa   Visite: 2604

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Buongiorno a tutti quelli del forum.

scusate vorrei dirvi ciò che mi è successo riguardo a due finanziamenti che ho con la santander: un contratto fatto nel 2012 rata da 258,00€ sempre pagata fino al 2013

altro contratto stipulato alla fine del 2013 di cui non sono più riuscito a pagare le rate dei due finanziamenti anche con tutta la mia buona volontà. Per colpa di questa crisi la ditta dove lavora mia moglie nel 2013 è andata in crisi facendo lavorare saltuariamente gli operai (cassa integrazione) non essendo più lo stesso stipendio purtroppo non riuscivo più a pagare le rate, facendo presente tale situazione alla Santander chiedendogli se potevano dare un po di tempo per vedere se la situazione lavorativa di mia moglie si sarebbe ristabilita, non gliene fregato niente, anzi ha iniziato a tartassarmi di telefonate.

A Gennaio 2014 la situazione è peggiorata maggiormente riguardo il lavoro di mia moglie perchè da Gennaio fino a Novembre ha lavorato solo uno o due giorni a settimana. Nel corso dell' anno 2014 sono stato contattato e tartassato da un recupero crediti per conto di santander dicendomi che essendo decaduto del beneficio del termine dovevo pagare i due prestiti con cambiali facendo loro i conti senza farmi parlare. Alla fine mi sono incazzato rispondendogli che io cambiali non ne firmo e facessero quello che vogliono visto che pago un' affitto di 600,00€ al mese non se ne parla proprio. La stessa recupero crediti ha continuato a chiamarmi fino a Luglio alla quale non ho più risposto visto che erano anche maleducati. A Settembre mi chiama un' altro recupero crediti sempre per conto di santander, stessa solfa. Dopodichè non mi ha chiamato più nessuno fino a Settembre di quest' anno che sono stato contattato da un' altro recupero crediti molto gentimente mi ha chiesto quali erano i miei problemi economici. Gli ho fatto presente il tutto compreso la nuova situazione che si era venuta a creare riguardo la salute di mia moglie la quale a Gennaio 2015 gli hanno riscontrato insufficienza cardiaca ( valvola mitralica da sostituire chirurgicamente e atrio ventricolare sx ingrossato) e non stà lavorando in quanto il lavoro che faceva ( operaia tessile su macchine circolari) non può più farlo visto che alzava pezze da 20-22kg, e quindi prende solo l' invalidità civile con revisione ogni 3 anni. La sig.ra del recupero crediti mi ha detto che gli dispiace ma non ci può fare niente, dicendomi le stesse cose degli altri due recupero crediti.

Sinceramente non so più cosa fare.

Io so solo che la finanziaria svende al recupero crediti per un tot il finanziamento e se la prima recupero crediti non riesce a recuperare viene svenduta ulteriormente alla seconda. Sinceramente non so se è una fesseria o meno.

Volevo cortesemente avere delucidazioni in merito da parte vostra e cosa potrei fare o dire alla terza agenzia recupero crediti?

Grazie mille a tutti, e spero in una vostra risposta in quanto sono disperato.

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 2 di 2
Vai alla pagina [1 2]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Grazie mille pollice,

ti ringrazio anche per il consiglio.

Ciao pollice

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 2 di 2
Vai alla pagina [1 2]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK