Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60153  Discussioni create: 39758  Messaggi inviati: 258963
Iniziata: oltre 3 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 3 anni fa   Visite: 2656

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Buongiorno.
Faccio piccole operazioni di trading su azioni quotate nella borsa italiana, e lo faccio direttamente avvalendomi dei servizi internet della mia banca. A suo tempo sulla piattaforma MTA ho acquistato le azioni ordinarie SNIA. In data 22/12/2010 Borsa Italiana ha revocato la quotazione di tali azioni a seguito dell'avvio dell'amministrazione straordinaria della Societa', e da allora la mia banca ha sempre mantenuto il carico delle azioni nel mio Rendiconto titoli. Aggiungo che dal punto di vista fiscale ho scelto il "Regime del risparmio amministrato". Chiedo se allo stato sia possibile (ancora) vendere tali azioni fuori dalla borsa, ad un prezzo simbolico, al fine di realizzare una minusvalenza di alcune migliaia di Euro da poter poi utilizzare dal punto di vista fiscale in compensazione con le future plusvalenze, ed in tal caso come devo procedere. Se non ricordo male, alcuni anni fa avevo letto che era possibile perfezionare la cessione delle azioni alla presenza di un funzionario della banca, pagando le tasse dovute, chiedendo ed ottenendo poi dallo stesso funzionario l'inserimento della minusvalenza cosi' determina nel mio Riepilogo generale delle minusvalenze tenuto dalla stessa banca: ricordo bene?
Vi ringrazio fin d'ora per i consigli e comunque per l'aiuto che vorrete darmi.
Child

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 3 di 3
Vai alla pagina [1 2 3]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

si ritorna a pagina 1. Vai tranquillo e non farti impressionare. Coi tempi che corrono, ci mancherebbe che l'Amministrazione Finanziaria avesse da dire sulle transazioni in perdita, e poi... il prezzo te lo dice la banca, tu hai detto che accetti un "prezzo simbolico"... ad eventuali contestazioni in proposito, da qualsiasi parte provengano, devono rispondere loro!

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Eccomi di nuovo qui.

Dopo ripetuti rinvii, finalmente la mia banca (Intesa San Paolo) si e' dichiarata disposta a collaborare, previa pero' sottoscrizione:
1) da parte mia, di una dichiarazione "di manleva" (presumibilmente su un loro modulo preimpostato) nella quale affermo che la banca e' estranea sia all'operazione di compravendita e sia alla definizione del prezzo (sembra che l'Amministrazione finanziaria non accetti le compravendite di valori mobiliari su mercati non regolamentati effettuate a prezzi simbolici, ovvero solo a fini "fiscali" per generare delle minusvalenze), con la quale le comunico altresi' il prezzo di compravendita e le chiedo di trasferire i valori mobliari al terzo determinando la conseguente minusvalenza;
2) da parte del terzo, della medesima dichiarazione per accettazione dell'operazione.

A questo punto vi chiedo se la richiesta della banca e' corretta, e se avete conoscenza che da qualche altra parte Intesa San Paolo per medesime operazioni abbia operato diversamente. In effetti io sarei tranquillo (l'operazione di compravendita e' vera, ed il prezzo simbolico lo incassero' veramente), ma tutta questa difficolta' incontrata e quest'ultima notizia della "manleva" mi lasciano un po' perplesso...

Vi ringrazio molto per l'aiuto e/o i suggerimenti che vorrete darmi.

Child

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Ho fatto qualche ricerca, protrattasi per il periodo di ferie e me ne scuso. Non sono a conoscenza di prassi bancarie differenti, onestamente quanto proposto concorda o meglio non discorda con quanfo detto a pag.1. io in tutta sincerità accetterei, probabimente lo hai già fatto in autonomia.





aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Ma quale scuse... invece grazie davvero per il riscontro, e per tutte le indicazioni!
Al momento non ho ancora effettuato l'operazione, perche' la banca mi ha messo un po' di timore: in effetti la minusvalenza che vorrei cercare di recuperare non e' poi cosi' elevata (qualche migliaia di Euro).
Inoltre effettuerei la compravendita con un parente acquisito, e non vorrei coinvolgere un parente (se pur consapevole del rischio) con il rischio di impelagarlo in un contenzioso che potrebbe costarmi piu' di quanto vorrei recuperare... si sa che l'Amministrazione finanziaria non persegue i veri evasori per i grandi importi!!
Avrei bisogno di un parere di un commercialista, bravo e... disinteressato.
Grazie comunque.
Child

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 3 di 3
Vai alla pagina [1 2 3]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK