Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60147  Discussioni create: 39757  Messaggi inviati: 258962
Iniziata: oltre 2 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 2 anni fa   Visite: 2344

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

A causa di decisioni unilaterali della mia banca (Cassa di risparmio di Firenze) ho deciso di cambiare banca e mi sono rivolto ad Unicredit. Ebbene mi hanno detto che per trasferire il conto corrente fra due banche non c'è più la facilitazione che passa tutto in automatico da un conto all'altro, e mi riferisco a stipendi/pensioni, bollette, ed altro, ma l'utente deve effettuare tutte le operazioni per proprio conto.

Ovvio che, se è vero, è un'altro stopo verso l'utente che vuole cambiare banca. Ma è proprio vero?

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 3 di 4
Vai alla pagina [1 2 3 4]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Ne forum delle lucine,c'era un tale che si vantava perchè avendo fatto la surroga sul mutuo,la banchetta surrogata,gli ha mandato a casa qualche euro per la estinzione della polizza incendio.

Morale,la banchetta non aveva più interesse a gestire una polizza da due soldi ma ha compiuto un atto illeggittimo,in base alle leggi vigenti.

Cosa voglio dire agli addetti alle guardiole delle banche o al forum in generale,al di la di quelle che sono regole generali,la banchetta con tutte le sue buone intenzioni,non può sostituirsi al cliente può fare lo sciacquino al cliente per tenerselo buono, al massimo puo spedire una lettera scritta in nome e per conto da questi controfirmata,e su carta non intestata.Chiaro o dobbiamo continuare.

Conclusioni,un conto e quello che si fa,altro quello che si può leggittimamente fare....

...

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Ovio che mi farò un giro per le varie banche per valutare ciò che offrono, però non ancora riesco a capire se questa decisione delle banche di non supportare più i clienti nel trasferimento dei conti correnti sia appunto una decisione unilaterale (come al solito) delle banche oppure una reale esigenza burocratica (che ancora nessuno sà spiegare), in questo io personalmente ritengo che ancora una volta le banche stanno perdendo il treno di un supporto pieno e deciso dei loro clienti.

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

un conto e quello che si fa,altro quello che si può leggittimamente fare....

appunto, una banca / ministero di vecchio stampo si rifiuterà di fornire al nuovo cliente un servizio non previsto (non certo vietato), una banca in crescita, con spirito innovativo e volontà / necessità di acquisire nuova clientela per raggiungere il break even o confermarsi sul mercato prestando, spesso anche gratuitamente, al nuovo cliente un servizio ( "trasferire una decina di sepa da un iban all'altro" ) per loro agevole, potendo disporre di personale addetto delegato allo scopo e di canali privilegiati per affrontare i potenziali "disservizi di alcune delle società - acqua,luce, gas, telefoni, ecc. - italiane" non certo di tutte le società e di tutte le loro unità territoriali. Ripeto,

questa decisione delle banche di non supportare più i clienti nel trasferimento dei conti correnti

Non è una decisione presa da tutte le banche, ma solo da alcune meno orientate al mercato. Talvolta, e questo non è certo il primo ne sarà l'ultimo caso, il cliente singolo non riesce e non può farsi valere contro un colosso. che se ne frega di perdere od acquisire un conto corrente in più o in meno.

in questo io personalmente ritengo che ancora una volta le banche stanno perdendo il treno di un supporto pieno e deciso dei loro clienti.

Discorso assolutamente condivisibile, e io ripeto: non tutte le banche, sono alcune.





aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

può fare lo sciacquino al cliente per tenerselo buono, al massimo puo spedire una lettera scritta in nome e per conto da questi controfirmata,e su carta non intestata.Chiaro o dobbiamo continuare.

Più che chiaro e non solo condivisibile, ma anche condiviso. A mio parere, la spocchia di Unicredit è inconcepibile al giorno d'oggi, in questi tempi di concorrenza esasperata, le banche più piccole garantiscono l'elasticità necessaria e sufficiente per collaborare e soddisfare le esigenze del cliente. Non certo per sostiturisi a lui.





aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 3 di 4
Vai alla pagina [1 2 3 4]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK