Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 59698  Discussioni create: 39725  Messaggi inviati: 258886
Iniziata: oltre un anno fa   Ultimo aggiornamento: oltre un anno fa   Visite: 35760

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Se la comunicazione PEC viene inviata ad un indirizzo email non certificato PEC ha la stessa validitàdella raccomandata AR oppure no ?

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 1 di 3
Vai alla pagina [1 2 3]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Secondo me no, perché se si fa un invio di un messaggio di PEC ad una casella tradizionale (quindi non PEC) non si riceve nessuna ricevuta elettronica di accettazione (la prova legale, che riporta l’istante temporale della consegna a destinazione, viene rappresentata da questa ricevuta elettronica).Saluti

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

La PEC x avere valore legale come ad esempio AR. anche il ricevente deve aver registrato la PEC, cmq da qui a 2/3 anni ci saremmo tutti nel calderone.

Giancarlo

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

la penso così anche io ma cercavo qualche riferimento più legale.nello specifico è una comunicazione che porta nell'intestazione il nome e cognomedel ricevente ma un indirizzo di residenza completamente errato.Che valore legale può avere una simile comunicazione e come èpossibile sbagliare cosi pacchianamente ?

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

La PEC se inviata da account certificato A ad account certificato B certifica che un qualcosa e' stato inviato da A a B e che B lo ha ricevuto quando arriva nella sua casella di posta ( non quando effettivamente lo legge ) , NON certifica :il contenuto del messaggio , chi lo abbia inviato , che sia stato letto .Se inviato ad account non certificato e' una normale mail priva di valore .Si vede benissimo che non puo' sostituire il piego postale raccomandato ( raccomandata scritta su un foglio poi piegato e spedito senza busta ) SE necessita certificazione VERA del contenuto ( e della non alterazione dello stesso ) e del mittente si deve usare la vera firma digitale ( crittografia asimmetrica , si veda PGP ) , oltre cio' se necessita firma per presa visione serve che il destinatario apponga firma digitale e rispedisca .SE c'e' necessita' di interagire con persona fuori italia serve la firma digitale VERA .in europa c'e' la legislazione per la firma digitale vera e l'italia l'ha recepita con "d. lgs. 23 gennaio 2002, n. 10. e poi D.P.R. 7 aprile 2003, n. 137 recante disposizioni di coordinamento in materia di firme elettroniche a norma dell’art. 13 del citato d. lgs. n. 10/2002" ma in Italia serviva proprio la pec ... come ennesimo modo di farci prendere in giro nel mondo ...

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Le PEC certificano ANCHE il contenuto, è di fatto un piego raccomandato.Naturalemte se lacomunicazione avviene tra PEC.Lo so perchè le vendo.

Pirlasco de Pirlis

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 1 di 3
Vai alla pagina [1 2 3]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK