Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 59698  Discussioni create: 39725  Messaggi inviati: 258886
Iniziata: oltre un anno fa   Ultimo aggiornamento: oltre un anno fa   Visite: 35759

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Se la comunicazione PEC viene inviata ad un indirizzo email non certificato PEC ha la stessa validitàdella raccomandata AR oppure no ?

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 2 di 3
Vai alla pagina [1 2 3]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Si se prendi la versione avanzata che firma per te la posta con un certificato digitale ( e torniamo al pgp ) di base il contenuto non e' certificato , che poi oggi quasi tutti i provider non vendano la base e' un altro paio di maniche .Ricordo che dal 19 gennaio 2009 non e' piu' obbligatoria la PEC per nessuno se si ha una firma digitale internazionale dato che la pec sembra potesse violare le norme europee ( dato che era solo italiana e alternativa al sistema europeo )

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

nella fattispecie è una comunicazione di licenziamento inviata per posta PEC a indirizzo non PEC e contenente un indirizzo di residenza / domicilio del destinatrio completamente errato.Che valore può avere legalmente ? il soggetto deve ritenersi licenziato o fottersene ?In base al fatto che abbia validità,quindi licenziato,può avvalersi dell'asicurazione sul credito al consumo.Ma solo se la comunicazione di licenziamento è valida.Presentandosi al lavoro dopo il termine indicato nella comunicazione cosa rischia ? penso null'altro in più di un licenziamento senza preavviso.Bho a volte mi domando a proposito dell'idiozia delle persone

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

dimenticavo.Al soggetto ho consigliato di presentarsi al lavoro ugualmente dopo il termine indicato nella comunicazione PEC per non incappare in un licenziamento per assenza ingiustificata, quindi per giusta causa.Cosa si inventano in tempo di crisi.E pensare cosa si inventerebbero se ci fosse libertà di licenziamento

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

ok allora possiamo dire che se il destinatario non dice mi e' arrivata e conteneva questo ... non vale nulla , se va al lavoro tranquillamente e fa finta di niente finche' non riceve comunicazione formale non succede nulla, se lo mandano via puo' attivarsi per licenziamento senza preavviso se non ci sono gravi motivi e richiedere un indennizzo ( di solito il salario dei giorni di preavviso )

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

"nella fattispecie è una comunicazione di licenziamento inviata per posta PEC a indirizzo non PEC "Il valore legale è MOOLTO debole, anche se avesse dato ricevuta di lettura. esattamente eguale ad una mail qualsiasi di libero ....

Pirlasco de Pirlis

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 2 di 3
Vai alla pagina [1 2 3]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK