Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 59698  Discussioni create: 39725  Messaggi inviati: 258886
Iniziata: oltre 3 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 3 anni fa   Visite: 3149

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Da esperto di matematica finanziaria nonché consulente in materia di usura anatocismo sono molto perplesso su quanto scritto da Lannutti in materia di mutui con ammortamento francese. Purtroppo noto che la conoscenza della matematica finanziaria è veramente troppo scarsa sia da parte di Lannutti sia da parte di tecnici (o presunti tali) che stanno occupandosi dell'argomento in oggetto. purtroppo anche la magistratura ci mette il suo "carico da 11" e ne nasce una polemica "sballata" su un argomento serio, ma mal posto poichè le argomentazioni a sostegno sono imprecise e contraddittorie. Basterebbe al riguardo citare un solo argomento: il piano di ammortamento -- si dice -- andrebbe impostato in capitalizzazione semplice, magari impostandolo col metodo italiano (a quote capitali costanti)...Questa è una fesserìa poiché sia il metodo francese che quello italiano sono ammortamenti in capitalizzazione composta..Vorrei proprio vedere come va predisposto un piano di ammortamento in capitalizzazione semplice, perché finora non ho avuto il piacere di vedere nessun esempio corretto al riguardo...Altro argomento "sballato", secondo la Sentenza di BARI Rutigliano l'anatocismo dei mutui derverebbe "anche" dal fatto che tasso nominale e tasso effettivo divergono, anche questa è una fesserìa infatti se con il metodo "francese" prevedessimo rate annuali tasso nominale ed effettiivo coinciderebbero, quindi dovremmo concludere che l'anatocismo si può evitare servendosi di rate annue?? Fesserìa ulteriore anche questa. L'anatocismo sui mutui ad ammortamento "francese", ma anche italiano ed altri, ci può essere ma va definito in termini precisi e non contraddittori. Ma tutto questo implica conoscenza di diritto e "rara avis" di matematica finanziaria, ma di cultori realmente competenti di questa materia ce ne sono troppo pochi ed i tribunali scelgono CTU che, parimenti, in questa materia sono quasi digiuni compresi quelli che assistettero l'Avv. TANZA a Rutigliano. Lo aiutarono a vincere, sì ma solo perché il giudice era, comprensibilmente, incompetente al riguardo, ma grazie a Dio, incompetenti erano anche i "tecnici" della banca convenuta ed ignorante in argomento, (l'ho potuto constatare) è anche l'ABF

Cordiali saluti

Carlo FERRINI

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 2 di 3
Vai alla pagina [1 2 3]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

con la formula dell'interesse semplice)! Ma allora al pda si applica la formula dell'interesse semplice!!

Volevo dire tutto esatto in teoria,nella pratica gli interessi vengono sempre annualizzati quindi anche se nulla vieta di porre T in anni e frazioni,superato l'anno si applica di fatto il regime di capitalizzazione composta.

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

ecco dove cade il busillis, leggi Totò. la capitalizzazione annua. e' questo il punto di debolezza perche' non ha riscontro nel codice civile.Hannibalwww.palombarimotociclisti.it

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Mi pare chiaro che su questo argomento non ci troviamo sulla stessa lunghezza d'onda, per cui attendiamo fiduciosi chiarimenti dall'esperto che ha iniziato la discussione.

In attesa però io voglio cercare di capire i vostri punti di vista. Io ho capito questo.

Se qualcuno presta i soldi ad un altro, per due anni (una istituzione finanziaria ad un consumatore, giusto per capire meglio, ad esempio) e vuole farsi pagare il 5 per cento l'anno, nel contratto non deve scrivere che vuole il 5% annuo, ma deve scrivere che alla fine del contratto, quindi al momento della restituzione dei soldi, il debitore deve restituire il capitale aumentato del 10%., Quindi su 100 deve restituire 110. E' questo che volete che avvenga in futuro?

Io questo ho capito. Sarà necessario quindi rivoluzionare tutto, perchè, se la soglia usuraia di questa ipotetica operazione è il 7%, certamento in contratto scirvere che voglio indietro il 10%, potrebbe causare dubbi ed incertezze.

Tornando indietro, In tutto il pianeta i conteggi delgi interessi si fanno come ho scritto, insomma il tasso è rapportato sempre all'anno (civile o solare è lo stesso), devo capire che c'è bisogno di una rivoluzione (a livello mondiale) nei conteggi? E' necessario eliminare il concetto di tasso nominale annuo? E' necessario rivedere il concetto di interesse semplice ed interesse composto? Ma! Secondo me ci stiamo attaccando al nulla. Per ultimo chiedo, c'è qualcosa di errato nel conteggio delgi interessi relativamente alla somma che mi hanno prestato per un mese?

Per ultimissimo. In un pda (qualsiasi, americano, tedesco, italiano, francese e tutti gli altri), il conteggio degli interessi è semplicemente fatto come se il debito fosse sempre di "soli" trenta giorni" , infatti non esistono e non si fanno calcoli di interessi complessivi per tutta la durata effettiva del finanziamento.



Se sommate il T.A.N. al Tasso di Mora, tutti i mutui stipulati dagli italiani sono presuntivamente usurai, TUTTI, proprio TUTTI

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

perche' non ha riscontro nel codice civile

Ma non c'è bisogno del cod civile,se riandiamo alla stessa definizione di interesse,un equo compenso proporzionale al tempo in cui un creditore mi presta dei soldi,ad un certo tasso annuale

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Quindi su 100 deve restituire 110. E' questo che volete che avvenga in futuro?

No deve restituire 110,25,e questo da che mondo e mondo.A proposito di questo fatto al popolo bue viene sempre fatto credere che il tasso che gli è stato riconosciuto non è del del el 5%bensi del 5,125%.insomma una una una vera astrazione,come quando si dice che sui bot o sui zero coupon ci sono gli interessati anticipati.

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 2 di 3
Vai alla pagina [1 2 3]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK