Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60151  Discussioni create: 39758  Messaggi inviati: 258963
Iniziata: oltre 3 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 3 anni fa   Visite: 1203

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Salve. L'anno scorso ho vissuto a Roma in affitto (sono uno studente). Per avere internet in casa ho sottoscritto un contratto con telecom a Dicembre 2012. Sul contratto era specificato che in caso di disdetta prima che passasse un anno dalla sottoscrizione avrei dovuto pagare una mora. Ora, ho lasciato l'appartamento a Settembre 2013, i miei coinquilini sono restati fino a Dicembre ed hanno pagato le bollette fino a quel mese. A Febbraio 2014, passato più di un anno di tempo, chiamo il 187 per fare la disdetta. Mi dicono di spedire una raccomandata con fotocopia di carta di identità, codice fiscale, vari altri dati ed una richiesta scritta. Dopo un pò di tempo mi arriva a casa la ricevuta di ritorno. Tutto tranquillo, fino a qualche mese fa. Vengo contattato da una società di recupero crediti che mi invia tramite mail delle bollette da pagare per i mesi che vanno da Gennaio a Maggio del 2014. Chiamo il 187 e mi informano che, in pratica, la procedura per la disdetta è rimasta ferma. Io sono sicuro di aver inviato tutti i dati richiesti, Capisco di dover pagare Gennaio, ma, dato che la mia richiesta è stata inviata a febbraio, mi pare assurdo di dover pagare le bollette fino a Maggio... Intanto la società continua a telefonarmi ed a gonfiare i costi delle bollette. Come devo comportarmi??

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

reinvii una raccomanda RR, questa volta senza busta. in pratica spedisca solo un foglio piegato in tre e chiuso da un nastro adesivo. il foglio deve essere quello della fotocopia della ricevuta di ritorno, nello stesso foglio scriva che reclama la mancata cessazione del contratto alla data richiesta e che diffida dal proseguire azioni di cessione del credito per costi che non le competono. Poi tenga il tutto, se arrivano ad una azione legale presenta copia delle lettere e delle ricevute di ritorno, se riceve altre richieste chieda che si identifichino e li diffidi verbalmente per molestie se non si identificano riappenda o dica che sta registrando la telefonatà e presenterà esposto per molestie, sostenga di non dovere nulla e che si sbagliano. SalutiHannibalwww.palombarimotociclisti.it

aggiungi un commento
aggiungi un commento


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK