Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60895  Discussioni create: 39833  Messaggi inviati: 259338
Iniziata: 13 giorni fa   Ultimo aggiornamento: 9 giorni fa   Visite: 156

0
0 / 0
Rev.2 Segnala

Buongiorno,
Ho ricevuto oggi un verbale per mancata fornitura dati conducente del veicolo di mia proprietà, che in data 23/07/2017 violava ex art 126bis c.d.s. e il cui verbale è stato notificato il 24/12/2017 (la domenica di vigilia di natale... certo...).
Io non ho ricevuto nessuna a/r o avviso di giacenza per il primo verbale, pertanto vengo a conoscenza della prima violazione solo ora tramite il secondo verbale che riporta queste info. Ho anche notato che la presunta notifica del primo verbale è ben oltre i 90 giorni previsti dal c.d.s. ( è riportato: "non è stato possibile contestare immediatamente causa: violazione emersa in seguito ad accertamenti d'ufficio esperiti in tempo successivo ed in assenza del trasgressore). Vorrei quindi capire se muovere ricorso al prefetto per il non rispetto dei tempi di notifica del primo verbale e quindi far annullare anche il secondo o se mi convenga cercare di dimostrare la sua non avvenuta notifica.
Ho anche il dubbio se convenga piuttosto agire tramite giudice di pace.


 

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta

1
1 / 0
Rev.0 Segnala

Ho anche notato che la presunta notifica del primo verbale è ben oltre i 90 giorni previsti dal cds

Se le cose stanno come dici, e nel lasso di tempo intercorso tra la sanzione e la (asserita) prima notifica non sono intervenuti fatti che possono aver rallentato l’identificazione attraverso i pubblici registri (per esempio cambio di residenza, cambio di proprietà all’auto et similia), direi che hai ragione al 100% e quindi ti conviene fare ricorso al Prefetto, giacché è gratuito. Non vedo perché versare 43 euro a fondo perduto per un ricorso al G.d.P.

aggiungi un commento
aggiungi un commento


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK

Gentile visitatore,

l'accesso gratuito a questo sito è possibile grazie al presenza di alcuni inserti pubblicitari.

Ti chiediamo gentilmente di disattivare il blocco della pubblicità dal tuo browser e, possibilmente, di sostenerci visitando i siti degli sponsor.

Grazie per la comprensione.

Ok, ho disattivato il blocco su questo sito