Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60147  Discussioni create: 39757  Messaggi inviati: 258962
Iniziata: oltre 3 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 3 anni fa   Visite: 1326

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Buongiorno a tutti volevo chiedervi un parere dopo anni passati in poste italiane quale correntista, decido a novembre dello scorso anno di cambiare banca', a seguito di un pasticciaccio fatto da loro con degli assegni tutti pagati con regolari ricevute e liberatorie nei termini previsti. Visti i tempi decido di affidarmi a Deutsche Bank con la quale la mia amministrazione (pubblica) ha stipulato una convenzione interessante. Mi reco nella filiale di Monza e chiedo informazioni alla gentilissima personal banker la quale mi prospetta un'interessante è vantaggioso conto corrente addiritura piú vantaggioso del suo da dipendente. Chiedo se vi sia la possibilitá di avere un fido e la stessa mi rassicura dicendomi che non ci sono problemi basta avere l'accredito dello stipendio, così come fra l'altro specificato nelle condizioni stipulate con la mia amministrazione. Bene allora apro il conto è a fine novembre accredito un'assegno di 5000 euro, aspetto alcuni mesi e arriva anche l'accredito dello stipedio. Dopo qualche mese preso dalle necessitá chiedo se vi sia la possibilitá di avere questo benedetto scoperto di tutta risposta mi dicono di aspettare ancora qualche mensilitá al fine di garantire che vi siano entrate costanti. Cosí faccio.... Aspetto e qualche mese dopo mi reco nuovamente nella filiale dove la giovane personal banker va dal direttore per inoltrare la richiesta, ma udite udite risulto segnalato in CAI dalle poste pertanto non sono valutabile a loro dire. chiedo spiegazioni in posta ma nessuno Sa dirmi nulla e nel frattempo arrivano le sanzioni prefettizie, alle quale peró mostro tutta la documentazione e lo stesso prefetto archivia la pratica poiché non vi é nessuna sanzione da applicare. Ora le mie domande sono le seguenti il fido é vincolato dalla segnalazione cai o della magnanimitá del direttore di banca? la posta puó risarcirmi del danno che mi ha creato? E infine la convenzione se non rispettata a chi va segnalata? Si perché del fido io ne necessito subito ma a quello che ho capito nemmeno un dipendente statale puó essere meritevole di fiducia e la banca convenzionata ha fatto solo i suoi comodi si é portata l'accredito dello stipendio e mi ha salutato con un arrivederci di lei non ci interessa nulla basta che faccia girare il cash qui....grazie in anticipo a chi saprá fornirmi risposte..

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

il fido é vincolato dalla segnalazione cai o della magnanimitá del direttore di banca?

la concessione di un fido non è obbligatoria, neppure per convenzione, ma viene valutata monograficamente ai livelli competenti, di norma superiori al direttore di filiale.

la posta puó risarcirmi del danno che mi ha creato?

molto difficile documentare e soprattutto quantificare il danno, lo darei per "Impresa disperata", ricorresse l'evenienza le poste si sarebbero cautelate prima.

E infine la convenzione se non rispettata a chi va segnalata?

si ritorna al punto 1.

scusami per crudezza apparente, ma è solo la verità.

aggiungi un commento
aggiungi un commento


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK