Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60146  Discussioni create: 39757  Messaggi inviati: 258960
Iniziata: oltre 3 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 3 anni fa   Visite: 3211

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Salve, ho serie problemi con Equitalia derivante da debiti Inps Agenzioa delle Entrate e Bolli Auto; sto valutando con il mio legale di poter percorrere La disciplina del sovraindebitamento, prevista dalla legge 27.01.2012, n. 3, anche in merito alla pubblicizzata sentenza del Tribunale di Busto Arsizio su un caso del genere.

Ho provato a recepire tale sentenza, ma non ci sono riuscito, qualcuno di Voi può darmi un mano in merito, in particolare avrei bisogno del numero della sentenza.

Inoltre attendo Vs. commenti in merito all'idea di tale procedimento e Se eventualmente siete a conoscenza di sentenze simili in merito a tale disciplina?

Grazie per l'attenzione

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 1 di 2
Vai alla pagina [1 2]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Gli estremi della sentenza non li ho reperiti neanch'io, sul web ho trovato il recapito del tribunale di Busto Arsizio (indirizzo e n. telefonico del centralino) al quale potrai chiedere tutti i dettagli che ti mancano, compresa una copia della sentenza. I nomi della signora che ha vinto la causa e dell'avvocato sono anch'essi disponibili sul web con normali ricerche.

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

A parte la sentenza di Busto o quella di Pistoia,il presupposto è dimostrare dati alla mano la insostenibilità del livello di debito RAGGIUNTO,nel caso di busto il legale dati alla mano ha dimostrato che il debito poteva essere coperto per il 13% rispetto alle 87 intimate.A pistoia invece un'altra vedova ha dimostrato che i soldi son serviti per curare il figlio malato.

Riassumendo occorrono 3 condizioni,non essere soggetto fallibile,non riuscire a rientrare nei piani rateali previsti dalla normativa equitalia,poter dimostrare l'insostenibile pesantezza del debito.

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Le riporto il lik del Tribunale di Torino che affronta l'argomento:

http://www.tribunale.torino.giustizia.it/it/Content/Index/26760 Un mio commento alla sua situazione, è da valutare se questi debiti verso lo stato e/o enti pubblici rientrano nella fattispecie. Comunque il fine è quello di agevolare il pagamento non è quello di tagliare (seppur se ne può mettere in conto), a questo punto perchè no la rateizzazione a 10 anni con equitalia?



Se sommate il T.A.N. al Tasso di Mora, tutti i mutui stipulati dagli italiani sono presuntivamente usurai, TUTTI, proprio TUTTI

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

dice Mentana85:

sto valutando con il mio legale di poter percorrere La disciplina del sovraindebitamento

vogliamo dare del valore aggiunto a questa affermazione, o perdere tempo per dire che

dimostrare dati alla mano la insostenibilità del livello di debito

o che

è da valutare se questi debiti verso lo stato e/o enti pubblici rientrano nella fattispecie

come disse una volta pollice, è meglio stare zitti e non impestare il forum che aprire la bocca e allungare a oltranza i threads.

parole sacrosante.

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 1 di 2
Vai alla pagina [1 2]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK