Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60146  Discussioni create: 39757  Messaggi inviati: 258960
Iniziata: oltre 3 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 3 anni fa   Visite: 1832

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Buonasera,

vorrei porre due quesiti :

e' possibile far confluire lo stipendio su una carta prepagata intestata a un terzo?

rispetto alla dichiarazione dei redditi o all' isee,la carta prepagata va dichiarata?e se si,e aggredibile da equitalia?

grazie dell'attenzione.

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 1 di 2
Vai alla pagina [1 2]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

1) preferibile di no, persino se il terzo è tua madre;

2) no

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

buongiorno,la ringrazio per l'attenzione,ma non ho compreso perche' sarebbe preferibile di no.potrebbe spendere qualche parola in piu' affinche' sappia,nei limiti del giuridicamente consentito,cosa sia meglio fare per evitere l'eventuale pignoramento del restante stipendio?

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

preferibile sempre e comunque operare con rapporti intestati solo a lei, per evitare coinvolgimenti di persone da tenere "fuori" dalle sue beghe personali, e anche per non avere nuove beghe nei rapporti con queste persone, che tra l'altro potrebbero avere anche delle beghe loro...

in generale, un vecchio detto recita "parenti serpenti".

oltre a tutto, le banche facilmente si oppongono a questo tipo di manovra con motivazioni diverse, più o meno plausibili (es. stipendio solo del coniuge in comunione di beni, situazione complessiva dei "legami" tra i vari rapporti, cointestazioni ecc.), insomma non sono obbligati ad accettare e spesso rifiutano per prevenire i potenziali problemi che tu stesso hai ventilato... che dire? un altro vecchio detto recita "per colpa di qualcuno non si fa credtio a nessuno".

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

preferibile sempre e comunque operare con rapporti intestati solo a lei, per evitare coinvolgimenti di persone da tenere "fuori" dalle sue beghe personali, e anche per non avere nuove beghe nei rapporti con queste persone, che tra l'altro potrebbero avere anche delle beghe loro...

in generale, un vecchio detto recita "parenti serpenti".

oltre a tutto, le banche facilmente si oppongono a questo tipo di manovra con motivazioni diverse, più o meno plausibili (es. stipendio solo del coniuge in comunione di beni, situazione complessiva dei "legami" tra i vari rapporti, cointestazioni ecc.), insomma non sono obbligati ad accettare e spesso rifiutano per prevenire i potenziali problemi che tu stesso hai ventilato... che dire? un altro vecchio detto recita "per colpa di qualcuno non si fa credtio a nessuno".

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 1 di 2
Vai alla pagina [1 2]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK