Accedi con Google+
Registrati con LinkedIN

  

Accedi con ForumConsumatori


Chiudi
Accedi | Registrati


Iscritti a ForumConsumatori: 60151  Discussioni create: 39758  Messaggi inviati: 258963
Iniziata: oltre 2 anni fa   Ultimo aggiornamento: oltre 2 anni fa   Visite: 1977

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Buongiorno, espongo la mia situazione come erede:
mia madre di 75 anni ed adesso deceduta, chieseun prestito sul quinto della pensione di circa 14.000. Nel contratto ovviamente era prevista una assicurazione rischio vita obbligatoria con un premio superiore ai 5.000 euro. Il prestito fu erogato sul suo c/c il 15 di marzo 2012 per la somma di 13.000, i restanti 1.000 euro le furono dati breve mano con assegno circolare il 28 marzo. Mia madre decede il 30 marzo, quindi 15 giorni dopo l'accredito. Nel frattempo viene smarrito l'assegno, quindi come erede, faccio richiesta di riemissione presso il curatore fallimentare della finanziaria che nel frattempo era stata messa in liquidazione. Il curatore si impegna a rimettermi l'assegno non appena reperisce tutta la documentazione di cui però non si trova la polizza assicurativa.
Tale polizza viene reperita dal curatore dopo settimane, (nel mio contratto non ve ne era menzione tranne la cifra del premio, e non esisteva nessuna copia tra la mia documentazione quindi mai consegnata nelle mani di mia madre). Tale copia mi viene inviata (un unico foglio della compagnia che si trova, non capisco perchè, a Parigi, con una sempice tabella con i dati di mia madre, il premio e la decorrenza. Tale decorrenza è giorno 1 Aprile, quindi il giorno dopo il decesso di mia madre. Mi chiedo quindi se sia leggittimo erogare un prestito e lasciare una scopertura rischio vita di 15 gg o se il rischio vita non parta obbigatoriamente all'erogazione, visto inoltre che tale polizza era obbligatoria e che adesso mi si chiede la restituzione del finanziamento.
Grazie

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Data
Votazione
Non hai ancora votato! Vota ogni singolo contributo che ritieni utile o interessante e che sia ben scritto per permettere ai contenuti di qualità di salire in alto.
Vota ora facendo click sulle icone e vicino ogni domanda, commento o risposta
Pagina 1 di 5
Vai alla pagina [1 2 3 4 5]

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Grazie mille per la risposta. Mia madre è deceduta prima del fallimento, non vi è stata alcuna cessione del credito. Mi chiedo dove rivolgermi per esser certo di poter invocare la nullità; voglio dire dove reperire oggi documenti sicuri e comprovanti, oltre all'unico contratto. Comunque finanziaria Kthesios ed assicurazione Axa in Francia. In pratica accade questo: alla morte di mia madre trovo questo contratto di finanziamento mi reco all'agenzia (Kthesios) della mia città dove era stato stipulato e chiedo spiegazioni su eventuali rischi verso di me quale erede. In questa sede mi dicono che non ci sono problemi, che vi era un'assicurazione sulla vita e così posso stare tranquillo che tutto verrà rimborsato dalla compagnia. Il problema però è che nel loro fascicolo non trovano alcunché riguardante la polizza assicurativa, semplicemente vedono che c'è un premio rischio vita nel contratto di finanziamento (insieme alla varie voci tan iva rata ecc), come l'avevo notato io; cosi mi dicono che probabilmente a monte, nella sede centrale della finanziaria, si gestiscono le polizze assicurative. In pratica di una vera polizza non ne sanno nulla neanche loro. Ecco perché non credo che esistano due contratti differenti che siano stati firmati da mia madre, uno per il finanziamento e l'altro per la polizza rischio. Sono comunque loro stessi, la filiale della mia città, a dirmi che qualche giorno prima a mia madre, avevano consegnato questo assegno. Sul fatto che dico poi che la polizza assicurativa era obbligatoria o comunque insita nel contratto di finanziamento, è perché data l'età, era condizione necessaria, ma questo lo penso io..che ne capisco ben poco. In ogni caso non ricordandomi bene i tempi posso solo dire che quando mi sono rivolto al curatore fallimentare ovviamente la finanziaria era già fallita. In merito invece al rimborso del premio, dato che io non sono esperto in materia, mi chiedo se chiedere il rimborso del premio non è qualcosa a cui io non ho diritto, visto che era all'interno del finanziamento che mi si chiede indietro. Voglio dire: non avendo mia madre pagato l'intero premio separatamente, è qualcosa che si sarebbe pagato man mano che si restituiva il finanziamento o non funziona così? Posso averne diritto anche se il curatore chiede a me l'intero finanziamento?

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

E' sparita la mia risposta,che tu comunque vedo hai letto.

Io dicevo in modo chiaro che se la polizza pur avendo pagato il premio aveva un effetto posteriore rispetto alla data di effetto,la garanzia non è efficace.

Poi dicevo,che se il contratto non è stato perfezionato nei modi previsti dalla legge,la polizza è nulla.

In parole povere,se riesci a dimostrare,che tua madre non è stata avvertita per iscritto che il contratto assicurativo è concluso,e non è stato mai firmato il contratto quel contratto è NULLO,

I diritti sui contratti vita si prescrivono in dieci anni,quindi fai ancora in tempo ha chiedere la restituzione dei soldi pagati.

Devi semplicemente scrivere in forma legale che intendi avere indietro i soldi,se non hai abbastanza dimestichezza,fatti scrivere la letterina da un legale amico.

In ogni caso nulla c'entra la polizza con il rimborso delle rate.

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Capito pollice, sarà difficile forse, ma ci proverò. Cio che non capisco ancora è la restituzione dei soldi pagati, visto che di fatto non è stato pagato nulla. Certo forse la compagnia ha incassato subito, ma questo "storno" andrebbe a me o alla finanziaria fallita (leggi curatore se ancora la liquidazione è aperta)?

Intanto grazie amcora

aggiungi un commento
aggiungi un commento

0
0 / 0
Rev.0 Segnala

Lello dobbiamo essere chiari e lineari,tu nel primo intervento dici che c'era una polizza,e che non è stata pagata la prestazione,perchè l'evento assicurato è accaduto il giorno dopo la morte della mamma.

Allora se vuoi continuare mi devi dire se è stato pagato il premio oppure no.

Abitualmente le finanziarie si trattengono il costo polizza sommandola alla cifra erogata ed agli interessi.

Sono dati che puoi desumere dal contratto di finanziamento,

Se il premio è stato incassato,tu dovresti avere dalla assicurazione il premio lordo comprensivo delle provviggioni che la finanziaria si è trattenuta.

aggiungi un commento
aggiungi un commento
Pagina 1 di 5
Vai alla pagina [1 2 3 4 5]


Prendi parte alla discussione
Prima volta? Assicurati di aver compreso le linee guida di partecipazione

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK